Scampia fa paura. Le vele. I caseggiati sotto controllo come fortezze.
Fanno paura i morti ammazzati come se niente fosse.
Fa paura vederlo.
E sapere che è tutto vero.
Che è così.
Mi sembra ieri quando Roberto mi raccontava dei ragazzini mandati in giro a trafficare, coi giubbotti antiproiettili.
Quando mi diceva “la cosa più impressionante dei morti sono le mani: ce le hanno sempre bucate, perché il loro primo istinto quando vedono la pistola è quello di proteggersi”.

Mi ricordo quando si scherzava e mi diceva “ti porto a fare il Camorra tour, a vedere le ville sequestrate dei boss”
E c’è nel film la villa di Sandokan, quella che mi ha descritto un sacco di volte.
Quella uguale al film di Scarface.

In questo film c’è Napoli, e l’Italia che da questo spiraglio di settentrione non si vede.
E non si immagina.

Andate a vedere Gomorra.

C’è un’Italia che non sappiamo.