“Risponde l’operatore 53”
“Si, buongiorno, volevo un’informazione”
“Mi dica”
“E’ per l’abbonamento regionale… aspetti che le dico il nome giusto… ecco! La tessera regionale a tariffa intera!”
“Si”
“E’ scaduta e non mi hanno ancora mandato quella nuova”
“Ma lei ha compilato il modulo?”
“Certo! L’ho rispedito più di un mese fa!”
“Ha letto bene la lettera?”
“Certo!”
“Ma ha spedito anche il cedolino del versamento postale?”
“No, perché io lo ricarico all’ATM POINT e sulla lettera c’era scritto che si poteva fare così senza rispedirlo. Che servivano solo i dati.”
“Eh, allora lei non ha letto bene la lettera.”
“Perché?”
“Perché non le devono rispedire nulla. L’importante è che lei viaggi sempre con la ricevuta del pagamento.”
“Ho capito. Che è esattamente quello che faccio da più di un anno a questa parte.
Ma sulla lettera c’era scritto che la tessera è scaduta!”
“No, vede che non ha letto bene la lettera? Nella lettera c’era scritto che il documento di viaggio è scaduto. Quindi va rifatto.”
“Ma allora mi faccia capire: sulla tessera magnetica c’è scritto che è scaduta e invece io vado avanti a caricare tutto su quella?”
“Esatto. Non ha letto bene la lettera: c’era scritto che il documento di viaggio scadeva. Lei deve mostrare il cedolino di pagamento.”
“E scusi, cosa c’è di diverso da quello che facevo fino ad oggi? Perché mi hanno mandato la lettera di rinnovo?”
“Eh, perché sulla lettera c’era scritto: è scaduto il titolo di viaggio.
Non ha letto bene la lettera.”
“Quindi vado avanti così?”
“Si, esatto.”
“Ok. Grazie e buongiorno.”
“Buongiorno.”

Una cosa che non sopporto è essere trattata da stronza da uno che dovrebbe darmi delle informazioni.
Operatore 53, leggitela bene questa missiva: MA VAFFANCULO VAH!