Se uno mi chiede come sto in questo momento, mi viene da dire che sono sommersa dallo tzunami di mmmerda.
E’ un vero casino: 3 progetti in contemporanea, tutti molto complicati. Tutti urgenti.
Io sabato e domenica sono qui- non pagata- a lavorare.
Farò notte.
E non mi fa piacere.

Ma ho un mutuo da pagare.

Io quelli che entrano in ufficio e fanno fuoco con un fucile a pompa li capisco.
Quelli che ordinano pistole su internet e poi fanno saltare i cervelli ai colleghi, li capisco.
Quei due minuti di assoluta soddisfazione incorniciati dal “non ce la faccio più”, li capisco.
E hanno tutti ragione.

Sono tutte persone normali. Nessuno ha mai dato segno di cedimento.
Niente che potesse far pensare una cosa così.

In questi giorni sento che potrei arrivare a rasentare la follia.
Finché la coscienza tiene, finché la psiche non traballa, va tutto bene.
Va tutto assolutamente bene.